AGENZIA DELLE ENTRATE

NEWS: Acquisti San Marino

ACQUISTI DALLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

Con un comunicato e una conferenza stampa tenutasi a Roma lo scorso 3.7, l’Agenzia delle Entrate ha anticipato l’introduzione di nuove semplificazioni “in via amministrativa” volte ad alleggerire il peso della burocrazia tributaria sui contribuenti.

Tra le numerose semplificazioni rientra anche la modalità di comunicazione dell’avvenuta annotazione nei registri IVA, degli acquisti effettuati presso operatori economici sammarinesi, documentati da fatture senza IVA (si veda la TA n. 61/2013).

NEWS: Semplificazioni Black List

COMUNICAZIONE OPERAZIONI BLACK LIST: LE SEMPLIFICAZIONI IN ARRIVO

L’art. 1, c. 1, 2 e 3, DL 40/2010, ha introdotto l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate gli acquisti e le cessioni di beni, e le prestazioni di servizi rese e ricevute, registrate o soggette a registrazione, di importo superiore a € 500, poste in essere con operatori economici con sede, residenza o domicilio nei Paesi a fiscalità privilegiata.

NEWS: Nuovo Modello Black List

COMUNICAZIONE OPERAZIONI BLACK LIST: PRONTO IL NUOVO MODELLO

Con il Provvedimento 2.8.2013, protocollo 94908, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito che per la comunicazione delle c.d. operazioni “black list”, effettuate a partire dal 1.10.2013, dovrà essere utilizzato il modello previsto per la comunicazione delle operazioni IVA (c.d. “spesometro”).

I termini di presentazione della comunicazione restano fissati alla fine del mese successivo al mese o trimestre di riferimento.

Le triangolazioni comunitarie con lavorazione

SCARICA IL PDF - [175.19KB]
Focus Operazioni con l'Estero N°15 / 2013 - Premium
Ultimo Aggiornamento: 05/08/2013 - Numero Download: 3808

  http://www.intrastat.biz/wp-content/plugins/downloads-manager/img/icons/pdfgold.png
N. 15/2013: Le triangolazioni comunitarie con lavorazione – 31 luglio 2013

Nella pratica commerciale capita spesso che le lavorazioni delle merci siano compiute in paesi diversi da quello del committente, venendo così a coinvolgere tre o più operatori economici di almeno due Stati appartenenti alla Comunità. Esaminiamo di seguito, con l’ausilio di esempi, le ipotesi più ricorrenti.