AGENZIA DELLE ENTRATE

NEWS: Acquisti San Marino

ACQUISTI DALLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

Con un comunicato e una conferenza stampa tenutasi a Roma lo scorso 3.7, l’Agenzia delle Entrate ha anticipato l’introduzione di nuove semplificazioni “in via amministrativa” volte ad alleggerire il peso della burocrazia tributaria sui contribuenti.

Tra le numerose semplificazioni rientra anche la modalità di comunicazione dell’avvenuta annotazione nei registri IVA, degli acquisti effettuati presso operatori economici sammarinesi, documentati da fatture senza IVA (si veda la TA n. 61/2013).

Si rammenta, infatti, che in caso di acquisti da operatori economici sammarinesi senza addebito dell’IVA in fattura, l’acquirente italiano, soggetto passivo IVA, è tenuto a:

  1. integrare la fattura ricevuta con l’imposta dovuta;
  2. annotare il documento così integrato nel registro IVA acquisti e nel registro delle fatture emesse;
  3. comunicare le avvenute annotazioni all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente, indicando il numero progressivo dei menzionati registri.

Il DM 24.12.1993 non prevede un limite temporale entro il quale l’operatore nazionale deve comunicare all’Ufficio gli estremi delle annotazioni effettuate. Tuttavia, con CM n. 30/1973 l’Amministrazione finanziaria ha affermato che le annotazioni devono essere comunicate entro 5 giorni.

Con il Provvedimento 2.8.2013, protocollo 94908, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito che la comunicazione dell’annotazione sui registri IVA, dovrà essere effettuata a partire dagli acquisti annotati dal 1.10.2013, utilizzando il nuovo modello previsto per le operazioni rilevanti IVA (c.d. “spesometro”).

Il modello dovrà essere presentato in via telematica entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello delle annotazioni nei registri.

Occorre collegarsi per lasciare un commento.